impianto fotovoltaico
[ Informazioni utili ]

Come funziona un impianto fotovoltaico

I raggi del sole sono una fonte inesauribile di energia pulita. Oggi, grazie ai pannelli solari fotovoltaici, possiamo trasformare tutta l’energia solare in energia elettrica. Magia ? No, scienza. In questo articolo spiegheremo in modo semplice come funziona un impianto fotovoltaico. 

Il principio di una cella fotovoltaica

Tutto inizia con le celle fotovoltaiche, di cui sono composti tutti i pannelli. L’elettricità è prodotta da quello che viene chiamato effetto fotoelettrico, con cui si indica l’emissione di elettroni da parte di un materiale sottoposto all’azione di particelle luminose, i fotoni.

Così, in un pannello fotovoltaico, lo scambio tra elettroni genera corrente elettrica. Ciò deriva da uno squilibrio di carica tra i due strati semiconduttori costituiti da cristalli di silicio. Uno è caricato con atomi di fosforo e l’altro con atomi di boro.

Il funzionamento di un impianto fotovoltaico esposto al sole

Ora andiamo a scoprire cosa avviene a livello dei pannelli. Le celle dei pannelli fotovoltaici trasformano la luce diretta (raggi solari) e indiretta (luce solare presente con tempo nuvoloso) in energia elettrica. Quindi il tuo impianto fotovoltaico produrrà corrente elettrica anche se il sole non batte direttamente sui pannelli.

Per ottenere prestazioni ottimali, si consiglia quindi vivamente di installare i pannelli su una copertura con un’inclinazione di circa 35° e che sia orientata plenariamente a sud. Tuttavia, fintanto che la sezione del tetto non è rivolta a nord, i pannelli saranno in grado di generare un apprezzabile rendimento per l’abitazione.

Il ruolo dell’inverter, fulcro dell’installazione

Quando il sole picchia sui tuoi pannelli e producono elettricità, questa passerà attraverso i cavi a un inverter. Questa scatola (con o senza trasformatore) trasforma questa corrente continua in corrente alternata in modo che possa essere utilizzata dai tuoi dispositivi e dalla rete elettrica. Un contatore elettrico misura quindi la quantità di elettricità prodotta.

Notare che ci sono inverter di diverse potenze. Per sapere quale scegliere, è meglio chiamare un professionista che, a seconda della situazione, possa indirizzarti al dispositivo giusto.

Un tetto ombreggiato? Ci sono soluzioni

Se il tetto non è raggiunto dalla luce solare in determinate ore del giorno o in determinate stagioni, potrebbe essere necessario un ottimizzatore. Questo dispositivo impedisce all’installazione di interrompere la produzione di elettricità a causa dell’ombra.

La spiegazione viene dal modo in cui i pannelli sono collegati. Questi sono raccordati in serie, quindi se non c’è un ottimizzatore, la produttività dell’intero impianto sarà penalizzata. Infatti, la potenza dell’impianto corrisponderà allora alla potenza del pannello che produce meno (il pannello con l’ombra). L’ottimizzatore consentirà di combinare i pannelli fotovoltaici in modo da ottimizzare al meglio le prestazioni dell’impianto.

La composizione dei pannelli

Infine, diamo un’occhiata più da vicino alla composizione dei pannelli solari nella loro interezza.

  • I telai dei pannelli fotovoltaici sono in alluminio.
  • Per quanto riguarda la superficie esposta alle intemperie, è realizzata in vetro temperato.
  • Al di sotto del vetro si trovano le celle di silicio, collegate tra loro con contatti in argento o piastre di rame.
  • Il vetro e le celle sono tenuti insieme da un foglio trasparente di resina EVA (etilene vinil acetato).
  • Infine, il retro del pannello è protetto da un film sintetico (Tedlar).

Il pannello solare permette dunque di generare l’elettricità in maniera autonoma. Questo si traduce in una bolletta elettrica ridotta e una minore dipendenza dalle energie fossili o nucleari. La buona notizia è che, oltre ad essere vantaggiosa per la transizione energetica, è una soluzione redditizia e sempre più conveniente.

Paola

Send a Comment

Your email address will not be published.