centrale idroelettrica
[ Energie Rinnovabili ]

Come funziona una centrale idroelettrica

L’energia idroelettrica è un’energia rinnovabile che utilizza l’energia cinetica e il potenziale dell’acqua (fiume, cascata e acqua) per produrre energia meccanica e soprattutto elettrica. Si parla quindi di idroelettricità. Per realizzare questa conversione si ricorre alle centrali idroelettriche.

Una moderna centrale idroelettrica rappresenta una meravigliosa innovazione basata su millenni di ingegno umano. Per garantire sicurezza ed efficienza, le moderne centrali idroelettriche si affidano a una gamma di strumenti di misura per monitorare livello, portata, pressione e temperatura durante i processi.

Il funzionamento della centrale idroelettrica

La maggior parte delle centrali idroelettriche sono costruite sulle rive di fiumi o torrenti. Queste centrali sono relativamente poco potenti, perché sfruttano la corrente naturale, esattamente come i vecchi mulini ad acqua. Questa corrente, quindi, aziona una turbina (una grossa elica), essa stessa collegata ad un alternatore che, infine, produce corrente. alternativa.

I più curiosi potrebbero chiedersi come un alternatore trasforma la forza meccanica in elettricità? L’alternatore, infatti, è costituito da una bobina di rame avvolta attorno ad un magnete. La forza meccanica fa girare la bobina di rame. Interagendo con il magnete, la forza elettromagnetica genererà automaticamente corrente elettrica.

La diga idraulica funziona un po’ secondo lo stesso principio: sfrutta la forza dell’acqua che cade da un punto alto (il lago artificiale) al punto più basso. La diga viene quindi realizzata sempre in zona montuosa, per sfruttare un notevole dislivello naturale. Ma la diga può accentuare questo dislivello anche in modo artificiale, poiché accumulando acqua dietro le sue pareti ne alza il livello.

Rispetto alle piccole centrali elettriche a flusso libero, la diga presenta numerosi vantaggi. Primo, il suo potere. Perché maggiore è la caduta, più forte è la corrente e, quindi, più elettricità possiamo produrre. Inoltre, la diga può immagazzinare energia potenziale (sotto forma di lago artificiale), e rilasciarla quando ne ha bisogno, nelle proporzioni desiderate. Al contrario, gli impianti fluviali dipendono dalle condizioni meteorologiche. Fortunatamente, sono più attivi in ​​inverno (quando le precipitazioni sono abbondanti) che in estate (quando i fiumi sono molto bassi).

Il flusso del torrente o l’apertura dei cancelli della diga porta l’acqua alle turbine elettriche. Maggiore è la portata e l’altezza della cascata, maggiore è l’energia trasportata dall’acqua.

La centrale idroelettrica si trova sotto la diga. La forza dell’acqua in caduta consentirà così di azionare la turbina, che a sua volta aziona l’alternatore. Quest’ultimo produrrà poi una corrente alternata che sarà inviata al trasformatore elettrico della centrale idroelettrica. La potenza della centrale idroelettrica dipende principalmente dalla forza dell’acqua.

Il trasformatore è l’ultimo elemento chiave che permette di generare energia idroelettrica. Ciò aumenterà la tensione della corrente prodotta dall’alternatore. Questa elettricità sarà quindi trasportata da linee ad alta e altissima tensione.

L’acqua che è stata convogliata alla turbina viene restituita al fiume o al corso d’acqua attraverso il canale di scarico. Per la massima efficienza, le turbine sono realizzate su misura per ogni centrale idroelettrica.

Oggi, l’energia idroelettrica è una fonte di elettricità importante e affidabile. È anche pulita e rinnovabile. Indipendentemente dalle condizioni climatiche, le centrali idroelettriche possono fornire un servizio più affidabile rispetto alle centrali solari o eoliche. Inoltre, la possibilità di controllarne il flusso permette ad ogni impianto di adattare la propria produzione alla domanda del mercato. Non c’è da stupirsi che 9 delle 10 centrali elettriche più grandi del mondo siano alimentate ad acqua.

Paola

Send a Comment

Your email address will not be published.